28 giugno 2019

testo e foto di Ivan Masciovecchio.

Sette laboratori del gusto; quattro presentazioni di libri, compresa la nuova Guida agli oli Extravergini con degustazione annessa; dieci ristoranti selezionati per pranzi e cene tematiche con menù a prezzi convenzionati; tre trabocchi coinvolti tra visite guidate e momenti conviviali da vivere in un’atmosfera magica e suggestiva; due conversazioni pubbliche con personalità del calibro di Massimo Cacciari e Oscar Farinetti. E poi convegni di respiro nazionale ed europeo, itinerari nei sapori dell’Abruzzo Citeriore attraverso una degustazione-inchiesta di ben dieci prodotti rappresentativi del territorio, intrattenimento per bambini, cibi e mercato di strada con produttori ed artigiani dell’eccellenza agroalimentare regionale, tra piatti della tradizione marinara, pizze, panini da aMare, salumi, formaggi, dolci celli pieni  e birre artigianali.

La Costa dei Trabocchi vista dall'Eremo dannunziano (ph. Ivan Masciovecchio)

La Costa dei Trabocchi vista dall’Eremo dannunziano (ph. Ivan Masciovecchio)

Composto da un giusto mix di gusto, cultura e consapevolezza, si presenta straordinariamente ricco il piatto offerto di Cala Lenta 2019, l’evento che Slow Food Lanciano dedica con cadenza biennale alla valorizzazione della piccola pesca e delle specie ittiche dell’Adriatico quale esempio virtuoso di sviluppo sostenibile e rispettoso dell’ambiente, in programma da venerdì 5 a domenica 7 luglio prossimi immersi nell’incanto della Costa dei Trabocchi.

Organizzata in compartecipazione con la Camera di Commercio Chieti-Pescara, il sostegno del FLAG Costa dei Trabocchi, del Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo, del GAL Maiella Verde e dell’amministrazione comunale di San Vito Chietino – ente meritoriamente plastic free – e la collaborazione, tra gli altri, del GAL Costa dei Trabocchi e dell’Istituto Alberghiero “G. Marchitelli” di Villa Santa Maria, la manifestazione giunta alla sua decima edizione si articolerà secondo il consueto modello diffuso attraverso il centro storico del borgo di San Vito Chietino, con sconfinamenti  fino ad Ortona e Vasto, stringendo in un abbraccio ideale tutte le meraviglie paesaggistiche del litorale abruzzese della provincia chietina, ricco di biodiversità e produzioni d’eccellenza.

San Vito Marina. In alto il belvedere con la Chiesa di San Francesco (ph. Ivan Masciovecchio)

San Vito Marina. In alto il belvedere con la Chiesa di San Francesco (ph. Ivan Masciovecchio)

«Cala Lenta giunge in un momento straordinariamente positivo per questa porzione di territorio – ha dichiarato l’assessore al Turismo della Regione Abruzzo, Mauro Febbo, durante la conferenza stampa di presentazione –, con i dati dell’Arta che certificano un mare pulito pressoché ovunque come non capitava da anni, la problematica legata alle autorizzazioni per i trabocchi ormai superata, anche se non del tutto risolta, e con i lavori sulla pista ciclopedonale giunti a buon punto in vista dell’inaugurazione dei primi chilometri di tracciato. Grazie a questa manifestazione l’Abruzzo ritrova quindi un momento di orgoglio dopo che a causa degli eventi nefasti degli anni scorsi è stata caratterizzata da un’immagine cupa che non ci apparteneva».

Trabocco del Turchino (ph. Ivan Masciovecchio)

Trabocco del Turchino (ph. Ivan Masciovecchio)

Tra le iconiche e numerose attività previste all’interno del programma di Cala Lenta 2019 – visibile integralmente QUI – tornano gli attesi Laboratori del Gusto, vero e proprio marchio di fabbrica di Slow Food. Uno strumento divertente e conviviale progettato in collaborazione con il Flag Costa dei Trabocchi per approfondire la conoscenza di diverse tipologie di pesce, delle tecniche di pesca e di conservazione del pescato, nonché per avvicinare il pubblico alla scoperta di un mondo ricco di suggestioni come quello della produzione brassicola artigianale.

Abbazia di San Giovanni in Venere a Fossacesia (ph. Ivan Masciovecchio)

Abbazia di San Giovanni in Venere a Fossacesia (ph. Ivan Masciovecchio)

Proposti tutti al prezzo di € 10 (tranne quello sull’olio EVO, ad ingresso gratuito) con prenotazione obbligatoria entro il 4 luglio al sito info@calalenta.com oppure direttamente all’Info point nei giorni della manifestazione, si terranno a San Vito Chietino e saranno tenuti dallo chef Ermanno Di Paolo, docente dell’Istituto Alberghiero “G. Marchitelli” di Villa Santa Maria; Silvio Greco, biologo marino e docente di sostenibilità ambientale all’Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo; Pierluigi Cocchini, responsabile per l’Abruzzo della guida Birre d’Italia di Slow Food; Bruno Scaglione, agronomo e responsabile per Abruzzo e Molise della Guida agli Extravergini 2019; Giuseppe Orefice, tecnologo alimentare del Comitato Esecutivo Slow Food Italia.

Tramonto visto dal Trabocco Punta Le Morge a Torino di Sangro (ph. Ivan Masciovecchio)

Tramonto visto dal Trabocco Punta Le Morge a Torino di Sangro (ph. Ivan Masciovecchio)

Sempre a San Vito Chietino, a due passi dal Mercato del Gusto (aperto dalle 18.30 alle 23.30 tra le vie del borgo antico), all’interno della Chiesa di San Francesco posta sulla piazzetta del panoramico belvedere sulla costa Adriatica, sarà ricavata la Casa delle parole – perché in fondo siamo anche ciò che leggiamo – un luogo conviviale dove sedersi con calma, ascoltare gli autori e dibattere con loro. Tra analisi del mondo virtuale proposto dalla comunicazione pubblicitaria, immersioni nel mare di plastica nel quale purtroppo ci ritroviamo a galleggiare sempre più e approfondimenti sull’universo, invece, ben più allettante delle api e del miele, dialogheranno con il pubblico Cinzia Scaffidi, Antonio Attorre e Silvio Greco. Grazie alla partecipazione di Paola Natale della cooperativa Terracoste di Torino di Sangro – associazione alla quale saranno affidati anche i laboratori per bambini Cala Lenta Kids – e Mario Rainaldi, architetto e responsabile del War Museum “Rolando Giampaolo” di Castel di Sangro, sarà presentato Sulla Linea Gustav. Il cammino della memoria, l’affascinante percorso cicloturistico e pedonale ricavato lungo i circa 130 chilometri dello storico asse difensivo eretto dai tedeschi durante la Seconda guerra mondiale dalla foce del fiume Sangro sull’Adriatico a quella del Garigliano sul Tirreno (leggi QUI per saperne di più).

Trabocco Punta Punciosa (ph. Ivan Masciovecchio)

Trabocco Punta Punciosa (ph. Ivan Masciovecchio)

Molto interessante si preannuncia il programma degli incontri e delle conversazioni pubbliche. A cominciare dal convegno inaugurale di venerdì 5 luglio sul tema “La Costa dei Trabocchi e il contributo di Cala Lenta alla valorizzazione dell’anfibio antidiluviano e del sistema territoriale. Confronto nel contesto europeo dei paesaggi costieri di valore”, al quale prenderanno parte il sindaco di San Vito Chietino, Emiliano Bozzelli; il presidente vicario della Camera di Commercio Chieti-Pescara, Lido Legnini; Eliodoro D’Orazio, portavoce Slow Food Abruzzo; Franco Ricci, presidente del Flag Costa dei Trabocchi; Roberto Di Vincenzo, presidente del Gal Costa dei Trabocchi. Interverranno, inoltre, l’architetto Marcello Borrone e Jack Dooms, rappresentante della Città di Middleburg (Olanda) capofila del progetto CHERISH Interreg Europe 2014-2020, iniziativa che vede il coinvolgimento di 9 regioni dell’Unione Europea (Olanda, Lettonia, Spagna, Grecia, Portogallo, Cipro, Finlandia, Germania, oltre all’Abruzzo per l’Italia) per preservare e promuovere il patrimonio culturale, materiale ed immateriale, delle comunità di pescatori. Le conclusioni saranno affidate a Mauro Febbo, assessore al Turismo della Regione Abruzzo.

Costa dei Trabocchi (ph. Ivan Masciovecchio)

Costa dei Trabocchi (ph. Ivan Masciovecchio)

Grande attesa anche per la conversazione che il filosofo Massimo Cacciari terrà con la giornalista Licia Caprara a partire dal volume “I comandamenti. Ama il prossimo tuo” (ed. il Mulino, 2011), di cui è coautore insieme al fondatore della comunità monastica di Bose, Enzo Bianchi, prevista per sabato 6 luglio al Teatro due Pini di San Vito Chietino (evento a cura dell’associazione Maria Luisa Brasile di Lanciano); e per il dialogo di domenica 7 luglio tra Oscar Farinetti e il giornalista Marco Panara incentrato su un duello filosofico dei tempi moderni che vede contrapposti sarcasmo del cinismo e fascino dei sogni.

Chiudiamo segnalando gli altrettanto interessanti appuntamenti che si svolgeranno fuori dal centro storico di San Vito Chietino. Ad Ortona, durante la tre giorni di Cala Lenta, nell’accogliente piazzetta antistante il Teatro Tosti si svolgerà L’Abruzzo a tinte rosa, degustazioni di vini rosa locali, in particolare di Cerasuolo d’Abruzzo, accompagnati in abbinamento dalle pizze d’autore realizzate con impasti semplici a base di sola farina tipo 0 e grano Solina da Francesco Pace della pizzeria FràGranze di Orsogna e dalle specialità marinare dello chef Ivan Paciocco del ristorante Vico Bonelli di Ortona; il tutto condito con musica dal vivo e dalla scenografia naturale con vista mare della Passeggiata Orientale.

Castello di Ortona (ph. Ivan Masciovecchio)

Castello Aragonese di Ortona (ph. Ivan Masciovecchio)

Inoltre, nella suggestiva sede dell’Enoteca Regionale d’Abruzzo sita a Palazzo Corvo (di fronte al Castello Aragonese), il Consorzio di Tutela dei Vini d’Abruzzo ha organizzato due degustazioni guidate (info e prenotazioni ai numeri 085 9064024 / 391 3803033 oppure alla mail enoteca.reg.abruzzo@gmail.com) su La sottile linea rosa (venerdì 5 luglio, ore 19) e L’anima bianchista abruzzese (sabato 6 luglio, ore 19) condotte dal giornalista Alessandro Brizi ed incentrate sulla tradizione storica del Cerasuolo d’Abruzzo e sui vitigni autoctoni a bacca bianca abruzzesi.

Punta Aderci a Vasto (ph. Ivan Masciovecchio)

Punta Aderci a Vasto (ph. Ivan Masciovecchio)

A Vasto, invece, l’appuntamento sarà con Brodetto e Contorni, l’iniziativa capace di esaltare uno dei piatti più identitari della tradizione marinara abruzzese dove fondamentali però risultano anche i prodotti di terra, frutti dell’orto, come i pomodori Mezzo Tempo, i peperoni e l’olio EVO. Una pietanza sostenibile anche da un punto di vista ambientale grazie ad una pesca attenta all’ecosistema marino, che rende giustizia a tutte quelle specie neglette, spinose e difficili da cucinare, che purtroppo si acquistano sempre meno. Quattro saranno i ristoranti che nel corso della manifestazione proporranno un menù a tutto brodetto di straordinaria golosità.

Tramonto sul molo di San Vito Marina (ph. Ivan Masciovecchio)

Tramonto sul molo di San Vito Marina (ph. Ivan Masciovecchio)

Ricordando, infine, che nei tre giorni della manifestazione, dalle 19 alle 24 sarà disponibile un servizio di bus navetta gratuito in partenza dal parcheggio della stazione ferroviaria di San Vito Marina verso il paese alto, mai come in questo caso partecipare a Cala Lenta 2019, nata per promuovere la bontà del pesce dell’Adriatico, favorendone un consumo consapevole e sostenibile, valorizzando al contempo la straordinaria bellezza e tutta l’unicità della Costa dei Trabocchi, è davvero cosa buona (pulita) e giusta, da non perdere per niente al mondo.

PrintFriendly and PDF