8 settembre 2015

Sparkling AbruzzoAlla scoperta dei vini spumanti regionali per brindare all’estate che se ne va. E’ questo l’effervescente programma di Sparkling Abruzzo, la degustazione organizzata dalla condotta Peligna di Slow Food per il prossimo sabato 12 settembre, dalle 18 alle 21, sulla terrazza dello splendido Palazzo Mazara.

«Con questo evento intendiamo far conoscere un aspetto forse non ancora ben noto della nostra enologia – dichiara Giorgio Davini, fiduciario della locale condotta Slow Food – come la spumantizzazione di vitigni autoctoni quali Montepulciano e Trebbiano d’Abruzzo, Pecorino, Passerina, Cococciola e Montonico. Una realtà in continua evoluzione che sempre più spesso vede i vignaioli abruzzesi confrontarsi senza timori reverenziali con prodotti ben più affermati sul territorio nazionale, ottenendo risultati interessanti, sia in termini qualitativi che numerici. Un potenziale ancora in gran parte inespresso, ma che conferma l’unicità del nostro territorio e la straordinaria intraprendenza delle nostre aziende vitivinicole nell’affrontare nuove e stimolanti sfide».

sfpelignaDiverse le cantine regionali presenti al banco d’assaggio, da Illuminati e Marramiero – tra le prime ad intraprendere il percorso verso le bollicine – per continuare con Mucci, Citra, Tenuta Ulisse, Orsogna, Tollo, Zaccagnini, Angelucci, Sciarr, Rocca dei Bottari, e Terzini; non mancheranno naturalmente i vini spumanti prodotti nella Valle Peligna, degnamente rappresentati dalle cantine Pietrantonj, Margiotta e Di Bacco.

(ph. Ivan Masciovecchio)

(ph. Ivan Masciovecchio)

La degustazione dei vini, accompagnata anche da un assaggio di prodotti locali, vedrà inoltre la partecipazione degli iscritti alla seconda edizione del Wolf Bike Tour – quest’anno incentrato sulla Gran Fondo dei due Parchi –, l’ambizioso progetto promozionale capace di portare centinaia di amanti della bicicletta ed appassionati della natura a pedalare seguendo i ritmi lenti delle aree protette abruzzesi, offrendo piacevoli soste del gusto a base di prodotti a chilometro zero e cibi della tradizione.

PrintFriendly and PDF