11 settembre 2019

testo di Ivan Masciovecchio.

Incessante e meritoria, prosegue senza sosta l’attività portata avanti dalla locale cooperativa Terracoste rivolta alla diffusione ed alla valorizzazione della storia inerente la Linea Gustav e gli eventi bellici che hanno riguardato il territorio abruzzese lungo il corso del fiume Sangro negli anni ’40 del Novecento, durante il secondo conflitto mondiale.

Cimitero britannico di Torino di Sangro dove riposano numerosi caduti della Battaglia del Sangro (ph. Ivan Masciovecchio)

Cimitero britannico di Torino di Sangro dove riposano numerosi caduti della Battaglia del Sangro (ph. Ivan Masciovecchio)

Archiviato il doppio appuntamento di fine agosto con le camminate a San Pietro Avellana (Molise) e Gessopalena (CH), venerdì 20 settembre, dalle ore 16, ci si ritroverà nel territorio di Torino di Sangro per una visita guidata al Sangro River War Cemetery, il cimitero militare britannico – secondo in Italia per numero di caduti dopo quello di Cassino – dove sono conservate le spoglie mortali di 2.617 combattenti dell’esercito del Commonwealth, in gran parte periti nella durissima battaglia del Sangro del novembre 1943.

A seguire, ci si dirigerà autonomamente verso il trabocco Punta Le Morge per assistere ad un convegno di approfondimento durante il quale alcuni rappresentanti della cooperativa Terracoste, oltre ad un inquadramento storico degli eventi, presenteranno il progetto Sulla Linea Gustav. Il Cammino della Memoria, un itinerario turistico ciclo-pedonale lungo circa 130 chilometri che partendo proprio da Torino di Sangro, dopo aver costeggiato il corso del fiume ed essersi addentrato nella parte meridionale del Parco nazionale della Majella, conduce fino ad Alfedena, nel cuore del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Trabocco Punta Le Morge (ph. Ivan Masciovecchio)

Trabocco Punta Le Morge (ph. Ivan Masciovecchio)

Prevista, inoltre, la presentazione del libro Le Aquile sul Sangro dell’arch. Mario Rainaldi, curatore insieme ad Alessandro Teti del War Museum di Castel di Sangro, ed un’esposizione di residuati bellici a cura dell’associazione History Hunters – Gustav Line di Ortona, introdotta dall’intervento del presidente Lamberto Mascitti. Al termine del convegno, prima dell’aperitivo finale, ci sarà tempo per ascoltare anche la storia della rinascita del trabocco Punta Le Morge con una simulazione di pesca se le condizioni meteo lo permetteranno. Costo € 10 comprensivo di visita guidata, quota trabocco, partecipazione alle iniziative di giornata, aperitivo. Info e prenotazioni entro mercoledì 18 settembre ai numeri 328 9685368 | 339 7384228 | 333 7971892 (anche messaggi WhatsApp).

PrintFriendly and PDF