4 ottobre 2018

Sarà il treno storico della Fondazione FS Italiane il gran cerimoniere dell’inaugurazione della nuova tettoia polifunzionale del Museo del Treno di Montesilvano, in programma la prossima domenica 7 ottobre. Il suggestivo convoglio composto da splendide carrozze degli anni ‘30 e trainato da un altrettanto attempata, ma assolutamente affascinante, locomotiva diesel, partirà da Sulmona alle 9.20 ed arriverà a Montesilvano alle 11. Il treno fermerà anche nelle stazioni di Popoli Vittorito, Manoppello, Chieti, Chieti-Madonna delle Piane, Pescara San Marco, Pescara Porta Nuova e Pescara Centrale, per raccogliere al suo passaggio tutti gli appassionati che vorranno rivivere atmosfere antiche ma di perenne suggestione (biglietti in vendita a bordo oppure nelle stazioni o sul sito di Trenitalia).

La tettoia polifunzionale che sarà inaugurata domenica

La tettoia polifunzionale che sarà inaugurata domenica

Al taglio del nastro, previsto per le 11.30, saranno presenti il sindaco di Montesilvano Francesco Maragno, il direttore generale della Fondazione FS Luigi Cantamessa, rappresentati della Regione Abruzzo, della Fondazione Pescarabruzzo – che ha finanziato l’opera – e dell’ACAF (Associazione Culturale Amatori delle Ferrovie), che gestisce gli spazi museali ricavati all’interno di alcuni vagoni posizionati negli spazi dell’ex scalo merci della stazione.

Treno storico in sosta alla stazione di Rivisondoli-Pescocostanzo (ph. Ivan Masciovecchio)

Treno storico in sosta alla stazione di Rivisondoli-Pescocostanzo (ph. Ivan Masciovecchio)

Progettata e realizzata dal comune di Montesilvano, la nuova tettoia polifunzionale è simile a quella andata distrutta a causa del conflitto bellico nel settembre 1943. Durante l’incontro ci sarà anche l’inaugurazione del nuovo plastico sociale allestito nella vettura “bagagliaio postale” relativo a Fossacesia stazione e la ferrovia della costa dei Trabocchi. La cerimonia si concluderà con la deposizione di una corona di alloro al monumento alle vittime della rotaia.

PrintFriendly and PDF