1 marzo 2019

Testo di Greta Massimi

Avrà luogo a Vasto un concorso nazionale di installazioni artistiche per celebrare la terza spiaggia più bella d’Italia.

"Flammae" di Michele Montanaro.

“Flammae” di Michele Montanaro.

In sinergia con il Comune di Vasto e la Cooperativa Cogecstre l’associazione culturale Eikòn è promotrice, da quasi un decennio, della riuscita manifestazione Art in the Dunes. Il concept dell’evento vede come protagonista la realizzazione di un percorso “arte e natura” da svolgersi all’interno del sistema dunale della spiaggia di Punta Penna. La campagna culturale ha il duplice scopo di voler sensibilizzare alla bellezza dell’arte con le opere partecipanti, ma al tempo stesso valorizzare e far conoscere la Riserva Naturale di Punta Aderci che nell’ultimo sondaggio di Legambiente “La più bella sei tu”, che ha coinvolto tutto il territorio italiano, ha visto la riserva abruzzese piazzarsi al terzo posto come spiaggia più bella d’Italia.

Il Premio Art in the dunes costituisce un appuntamento artistico di livello nazionale. Il concorso vede come protagoniste installazioni artistiche temporanee di land art (e non solo) che i partecipanti dovranno realizzare con i materiali locali della riserva o, se estranei, che siano rispettose della stessa. Rispetto ed educazione per l’ambiente sono tra i caposaldi che animano la presente manifestazione. Infatti il tema scelto per il concorso di quest’anno, al quale dovranno ispirarsi gli artisti partecipanti, si richiama al tragico episodio dello spiaggiamento di sette capodogli che avvenne nel 2014 sulla spiaggia di Punta Penna. Fortemente attuale è il dibattito riguardante il cambiamento climatico che sta sconvolgendo il nostro ecosistema. I ricercatori del National Center for Atmospheric Research (NCAR) evidenziano che il riscaldamento globale sta riducendo sempre di più la quantità di ossigeno presente negli oceani e che ciò porterà all’estinzione di diverse specie animali, un esempio fra tutti le balene. Per tale motivo il titolo scelto per l’ottava edizione della manifestazione è il termine Kētos, dal greco, termine con il quale si indicavano i “mostri marini”, ovvero i grandi animali che vivevano nei mari e che animavano l’immaginario collettivo dei popoli antichi.

Nello specifico il concorso vede la selezione di 18 progetti che dovranno pervenire all’associazione entro il 15 aprile 2019, all’indirizzo info@artinthedunes.it. Il mancato rispetto dei tempi prevede l’esclusione dalla gara. I vincitori saranno selezionati da una apposita commissione artistica e per i primi tre classificati sono previsti i seguenti premi in denaro, rispettivamente di € 1.000,00, € 700,00 e € 500,00 che saranno consegnati il 28 settembre 2019, giorno della cerimonia di premiazione e della consegna dei cataloghi. Dal 20 luglio al 4 agosto 2019, invece, le opere artistiche vincitrici saranno esposte nella spiaggia di Punta Penna, insieme ad un evento che prevede performance artistiche, momenti musicali e reading.

La novità dell’edizione in corso vede la collaborazione di Eikòn con l’associazione ConventiAmo di Atessa che, per l’occasione, nel Convento di Santa Maria degli Angeli, darà vita ad una “fabbrica culturale” ospitando eventi artistici. La collaborazione tra le due associazioni è nata con lo scopo di valorizzare il territorio abruzzese che si declina per la sua conformazione territoriale nel binomio “mare-collina”, in nome della bellezza e della cultura. Ricordiamo che l’associazione Conventiamo, in occasione del Premio di Poesia “Domenico Ciampoli” – Città di Atessa 2019 di cui è promotrice, tratterà il tema del Premio Art in the Dunes.

Per maggiori informazioni sul bando è possibile consultare il sito: http://www.artinthedunes.it

PrintFriendly and PDF