23 maggio 2019

Giunta alla sua dodicesima edizione, Italia in Rosa si conferma come una delle manifestazioni più importanti in Italia dedicate ai vini rosé. In programma da venerdì 7 a domenica 9 giugno, sarà ospitata in Valtènesi, sulla riva bresciana del Lago di Garda, nel rinnovato parco della Rocca di Moniga del Garda, città in cui nel 1896 è stato “codificato” il Chiaretto dal senatore del Regno d’Italia, Pompeo Molmenti.

ph. Ivan Masciovecchio

ph. Ivan Masciovecchio

Nei terrazzamenti dei giardini vista lago saranno allestiti i padiglioni per le degustazioni dove i vini delle aziende partecipanti saranno proposti secondo le zone geografiche di produzione, offrendo in questo modo ai visitatori la possibilità di compiere un viaggio completo all’interno di questo specifico settore ell’enologia italiana che rappresenta il 6% dei consumi. Presente, naturalmente, a pieno titolo, il Cerasuolo d’Abruzzo al quale sabato 8 giugno sarà dedicata una masterclass esclusiva condotta dall’ONAV di Brescia dal titolo “7 etichette per il territorio del Montepulciano per una delle denominazioni più conosciute in Italia”.

Il giorno precedente, venerdì 7 giugno, insieme ai rappresentanti dei Consorzi Valtènesi, Bardolino, Castel del Monte, Salice Salentino e Cirò, l’Abruzzo sarà protagonista anche della masterclass “6 rosa per 6 denominazioni” dedicata a Rosautoctono, l’Istituto del Vino Rosa Autoctono Italiano costituito lo scorso mese di marzo grazie all’unione dei Consorzi di tutela delle denominazioni di origine più rappresentative del settore (Bardolino Chiaretto, Valtènesi Chiaretto, Cerasuolo d’Abruzzo, Castel del Monte Rosato e Bombino Nero, Salice Salentino Rosato e Cirò Rosato) che hanno scelto di fare rete nella promozione – non solo economica, ma anche turistica e culturale – dei vini “in rosa” della tradizione italiana.

Come nelle passate edizioni, Italia in Rosa (il cui programma è visibile QUI) ospiterà anche vini dell’area provenzale, garantendo così ai wine lovers ed ai visitatori curiosi una proposta di approfondimento e di confronto con le aree maggiormente vocate d’Italia particolarmente interessante.

PrintFriendly and PDF