26 novembre 2013

S. Stefano di Sessanio

29-30 novembre 2013

scorcio di Santo Stefano di Sessanio

scorcio di Santo Stefano di Sessanio

Il patrimonio storico dei tanti piccoli borghi spopolati nella dorsale appenninica  ha un rapporto antico e arcaico con il territorio.

La  reciproca integrità tra costruito storico e territorio costituiscono un paesaggio da tutelare, un paesaggio da considerare quindi “patrimonio”.

Sono almeno 50 anni che questo paesaggio viene sistematicamente violato dalle politiche edilizie successive al boom economico, un’identità italiana a rischio di estinzione.

In un piccolo borgo della montagna d’Abruzzo, S. Stefano di Sessanio, con una pluralità di strumenti urbanistici Regionali e Comunali si è trovato e formalizzato in questi giorni, il modo di consegnare integro questo patrimonio alle generazioni a venire.

Un patrimonio che ha avuto la sua integrità, in questo piccolo borgo, a causa dei drammatici destini di abbandono che hanno colpito in generale la montagna italiana, in particolare nel suo meridione, integrità che oggi deve diventare oggetto di un’agenda politica che miri allo sviluppo del paese.

Questa volontà di tutela del borgo e del territorio è cominciata 10 anni fa, dai primi  accordi di tutela (genteman’s agreement) di scarso valore legale e urbanistico  tra una società privata e gli enti territoriali. Conseguenza di questa tutela è stato un ritorno sul territorio delle valenze logaritmiche tali da costituire oggi un modello di sviluppo  italiano per tanti borghi storici abbandonati o quasi della dorsale appenninica.

Le attività ricettive sono passate da una sola di proprietà comunale  a oltre 20 di privati locali che hanno recuperato, tutelando il paesaggio, il loro centro storico abbandonato; le botteghe di artigianato si sono decuplicate e dopo 150 anni si è quindi interrotto l’abbandono della montagna. Il valore patrimoniale degli immobili è così aumentato mediamente del 300%.

S. Stefano di Sessanio ha dato vita quindi, partendo da un progetto culturale, ad un modello di sviluppo potenzialmente replicabile per oltre 2000 borghi abbandonati nella dorsale Appenninica e 15.000 nel resto d´Italia, con un abbandono di oltre il 90 % assimilabile a quello di S. Stefano di Sessanio.

Il Convegno di due giorni che si terrà dal 29 novembre al 1 dicembre  a  S. Stefano è perciò proprio dedicato alla tutela del paesaggio. Sarà un momento per riflette sui risultati positivi dati dalla battaglia fatta in questi anni per premere solamente sulla tutela e il recupero dell´esistente a scapito di qualunque nuova costruzione. E S. Stefano di Sessanio fa proprio questo: raccontare a tutto il mondo quanto preservare il patrimonio minore sia un vantaggio culturale con forti ricadute positive sullo sviluppo del territorio.

Non a caso personalità come il Presidente della Regione Abruzzo Giovanni Chiodi, la giornalista americana del New York Times Gisela Williams, e altri emerite persone moderate dal giornalista di La Repubblica Antonio Cianciullo hanno voluto essere presenti a questa due giorni di discussione che vuole essere il punto di arrivo di una battaglia cominciata dieci anni fa e l´inizio di un esempio da seguire per tutto il territorio italiano.

 

PrintFriendly and PDF