15 febbraio 2019

Serata di gusto e letteratura quella organizzata per il prossimo venerdì 1 marzo 2019, alle ore 20.30, dal ristorante Caldora Punta Vallevò di Rocca San Giovanni (CH) in collaborazione con la cantina Contesa di Collecorvino (PE). Al menù di pesce ideato e proposto dai fratelli Luca e Marco Caldora – membri del consorzio Qualità Abruzzo e punto di riferimento della cucina marinara lungo la Costa dei Trabocchi – saranno abbinati i Vini d’Autore Pecorino Abruzzo DOC “Aspetta Primavera” e Montepulciano d’Abruzzo DOC Riserva Terra dei Vestini “Chiedi alla polvere”, ovvero gli ultimi nati in casa Contesa dedicati alla memoria dello scrittore italo-americano, ma con sangue abruzzese nelle vene, John Fante.

Costa dei Trabocchi (ph. Ivan Masciovecchio)

Costa dei Trabocchi (ph. Ivan Masciovecchio)

Durante la cena, grazie alle letture a cura del giornalista Enrico Giancristofaro, si rivivranno le atmosfere di quegli Stati Uniti dove il padre dello scrittore – originario di Torricella Peligna (CH) – emigrò nei primi anni del Novecento per tentare la fortuna al di là dell’oceano, splendidamente narrate nei libri capolavoro ai quali le bottiglie fanno riferimento.

Presentato nel maggio del 2018 in occasione dei 35 anni dalla morte di John Fante (8 maggio 1983), il progetto Vini d’Autore «nasce con la voglia di rappresentare nel modo più autentico e sincero possibile i due aspetti che maggiormente caratterizzano la cantina Contesa: un intenso legame con la terra d’origine e al contempo un coraggioso respiro internazionale. Salde radici abruzzesi, ma con una vita ed un futuro che appartengono al Mondo, magari al Nuovo Mondo, quello intensamente vissuto e raccontato dal famoso scrittore italo-americano John Fante le cui opere sono state fonte di ispirazione per i prestigiosi vini di questa linea».

Vigneti della cantina Contesa (ph. sito contesa.it)

Vigneti della cantina Contesa (ph. sito contesa.it)

Proseguendo nelle note della cantina, nel dettaglio si tratta di «un Montepulciano senza grandi artifici letterari, nel più tradizionale stile di Fante, in cui il sentimento sembra non esserci, ma è celato tra le righe. Lunga macerazione di uve selezionate, affinamento in botti di rovere da 30 ettolitri per 36 mesi. Il colore è rosso rubino intenso, impenetrabile. Possente al naso e al gusto. Ricco ma armonico». Per quanto riguarda il Pecorino, invece, si parla di un vino con «colore giallo brillante, dal profumo fresco e il gusto pieno e armonico. La fermentazione avviene parte in acciaio e parte in barrique. Affina sei mesi sui lieviti durante i quali viene praticato il batonnage. Seguono alcuni mesi in bottiglia. Un vino longevo da apprezzare nel tempo, magari sorseggiandolo tra una pagina e l’altra del capolavoro senza tempo di cui porta il nome». Costo della serata € 40. Info e prenotazioni al numero 0872 609185.

PrintFriendly and PDF