29 gennaio 2019

Seminare bellezza per (r)accogliere emozioni e socialità. Nato nella scorsa primavera, lo spazio sociale CuntaTerra di Chieti – il nuovo progetto culturale ideato dal vulcanico Marcello Sacerdote, attore, contastorie  e musicista di origine abruzzese, che abbiamo raccontato nel dettaglio qui – lancia la sua prima rassegna di spettacoli teatrali e concerti, in programma nella sede di Brecciarola (CH) tra febbraio e maggio 2019. Tredici eventi all’insegna del teatro e della musica, che fungeranno da aratro per tracciare nei cuori degli spettatori i solchi fertili di questa semina contenta.

Lo spazio CuntaTerra a Chieti

Lo spazio CuntaTerra a Chieti

«Crediamo sia tempo di tornare a seminare buoni sentimenti – dichiarano gli organizzatori –, coltivare occasioni di umana riconoscenza, con lo stupore di ritrovarsi a spartire emozioni come si fa col pane a tavola, attraverso storie, canzoni, risate, riflessioni, commozioni, fantasie, che avranno senso solo con la presenza preziosa di ognuno di noi».

Allestita con il coinvolgimento di altre realtà culturali attive sul territorio abruzzese, la rassegna prenderà avvio venerdì 15 febbraio con lo spettacolo teatrale Mio nonno l’olivo messo in scena dalla compagnia del Teatro del Paradosso di Loreto Aprutino (PE). Seguiranno, I miei sogni sulla Majella (15 marzo), allestimento a cura della stessa CuntaTerra incentrato sui ricordi del pastore Paolino; Orlando (12 aprile), a cura dei pugliesi Armamaxa Teatro; Giuseppina. Una donna del Sud (10 maggio), della compagnia toscana La Bottega del Teatro.

Marcello Sacerdote in scena (ph. Maurizio Anderlini)

Marcello Sacerdote in scena (ph. Maurizio Anderlini)

Per quanto riguarda la parte musicale, ad aprire i concerti saranno le sonorità blues degli abruzzesi Dago Red (2 marzo) alle quali seguiranno quelle del polistrumentista molisano Giuseppe Spedino  Moffa (22 marzo); la fanfara onirica e nostalgica per viola, violoncello, voci e live electron ics del duo Nostos (5 aprile) composto da Irida Gjergji e Flavia Massimo; per chiudere col cantautorato folk di Graziano Zuccarino (17 maggio).

Ricco, infine, anche il programma di Pane e favole, il teatro per bambini, ma non solo, allestito in collaborazione con l’associazione Favole in valigia, che porterà in scena ben cinque spettacoli: L’agnellino e il lupo (23 febbraio), Pluf… butto un sasso nel fiume (9 marzo), La spada nella roccia (30 marzo), Le avventure di Rinaldo (27 aprile), La bottega dei pupazzi (25 maggio). Oltre all’acquisto dei singoli biglietti sono previste anche diverse forme di abbonamento alla rassegna. Info e prenotazioni ai numeri 340 6152344 / 338 7582167 oppure alla mail ass.cterra@gmail.com

PrintFriendly and PDF