25 novembre 2018

Se pensate che il cambiamento climatico sia qualcosa di astratto e che individualmente non si possa fare niente per combatterlo vi sbagliate di grosso. La buona notizia è che ognuno di noi può fare la differenza, contribuendo alla soluzione del problema. Come? Ad esempio prestando attenzione al cibo che acquistiamo tutti i giorni, modificando anche di poco le nostre abitudini alimentari. È questo, in sintesi, il succo di Menu for Change, la nuova campagna di Slow Food attiva già da diverso tempo che invita tutti ad agire in prima persona in nome della sostenibilità ambientale.

logo_menuNell’ambito della preziosa iniziativa nazionale, quest’anno la Condotta Slow Food di Chieti organizza per lunedì 3 dicembre 2018 alle ore 20.30 negli spazi del ristorante La Collina Teatina una cena che avrà per tema l’esaltazione dei prodotti locali di qualità e dei Presìdi Slow Food. Protagonisti della serata saranno due chef emergenti formatisi alla scuola di Niko Romito: la chietina Alessandra Di Paolo, attualmente chef del ristorante Ocrà annesso all’albergo diffuso Borgo Tufi a Castel del Giudice (IS), e Antonio Zaccagnini, ora in forza nella brigata della Magione Papale dell’Aquila guidata dallo chef stellato William Zonfa.

L'albergo diffuso Borgo Tufi a Castel del Giudice (ph. Ivan Masciovecchio)

L’albergo diffuso Borgo Tufi a Castel del Giudice (ph. Ivan Masciovecchio)

«Dopo l’evento dell’anno passato con la presenza di Nicola Fossaceca – dichiara a Tesori d’Abruzzo  Aldo Mario Grifone, fiduciario della condotta teatina – quest’anno abbiamo voluto coinvolgere ed omaggiare due giovani chef, tra i quali una nostra concittadina, augurando loro una splendida carriera, come auspicato fin dal riferimento stellato  nel titolo pensato per la serata. Grazie alle loro creazioni culinarie metteremo in evidenza come i prodotti locali ed i Presìdi Slow Food della nostra regione possano dar vita a piatti gourmet».

Il menu (for Change) della serata prevederà una entrée di benvenuto a cura della chef; una degustazione di salumi e formaggi di capra dell’azienda Fattoria del Nonno di Fara Filiorum Petri; Gnocchi con crema di Pecorino di Farindola, crumble di pane al timo e coulis di melagrana; Carré di maiale nero cotto a bassa temperatura, laccato alla genziana su crema di patate Turchesa; Mousse di yogurt di capra, fico reale di Atessa, nocciole e vino cotto. Ad ogni portata sarà abbinato un vino di produzione locale. Costo della serata € 50 (€ 45 per i soci Slow Food). Info e prenotazioni – inderogabilmente entro il 30 novembre prossimo – al numero 339 1784284 oppure alla mail slowfoodchieti@gmail.com

PrintFriendly and PDF