2 maggio 2019

Ospitati all’interno della rassegna Vino d’Italia. Questione di famiglia, in programma sabato 4 maggio, dalle ore 19, negli splendidi spazi del Borgo Egnazia di Fasano (BR), saranno i vini abruzzesi di Emidio Pepe a raccontare l’evoluzione di una delle aziende storiche dell’enologia italiana. Fondata nel 1964, dopo aver affiancato il padre ed il nonno che facevano vino in casa fin dal 1899, Emidio Pepe è stato il primo a credere nelle grandissime potenzialità del Trebbiano e del Montepulciano d’Abruzzo, dedicando ai due vitigni autoctoni abruzzesi tutte le proprie energie, verificandone le capacità di invecchiamento nel tempo e facendoli conoscere al mondo intero.

Degustazione di Montepulciano d'Abruzzo al Vinitaly (ph. Ivan Masciovecchio)

Degustazione di Montepulciano d’Abruzzo Emidio Pepe (ph. Ivan Masciovecchio)

La serata organizzata dalla sezione pugliese della FIS – Fondazione Italiana Sommelier vedrà la partecipazione di Sofia Pepe, figlia di Emidio e custode della conoscenza enologica di famiglia, seguendo quotidianamente tutti gli aspetti legati alla produzione ed alla qualità. La degustazione sarà guidata da Paolo Lauciani, redattore della guida Bibenda, e prevederà l’assaggio di ben dieci annate, cinque per tipologia: Trebbiano d’Abruzzo 2016, 2014, 2007, 2004, 1995 e Montepulciano d’Abruzzo 2010, 2001, 1997, 1983, 1974.

Emidio Pepe con la figlia Sofia e la nipote Chiara (ph. Ivan Masciovecchio)

Emidio Pepe con la figlia Sofia e la nipote Chiara (ph. Ivan Masciovecchio)

Un’occasione imperdibile per immergersi nei racconti di una famiglia di agricoltori nel profondo  che generazione dopo generazione è stata capace di rinnovarsi profondamente pur rimanendo assolutamente fedele alla propria filosofia di vita e di lavoro. Oggi, infatti, a guidare la storica azienda, sotto lo sguardo fiero di Emidio e Rosa, i principali garanti di questa tradizione sono Sofia e Daniela, insieme alle giovani nipoti Chiara ed Elisa. Info e prenotazioni alle mail presidente@fondazionesommelierpuglia.it / info@fondazionesommelierpuglia.it oppure al numero 349 8092907 (Giovanni Semerano).

PrintFriendly and PDF