7 dicembre 2017

Forte di una richiesta praticamente continua, soprattutto da parte di abruzzesi residenti all’estero, il giovane Gregorio Angelucci prosegue senza sosta nell’attività promozionale del Rustiko, lo spassoso gioco di società da lui ideato nel 2009 come omaggio alla cultura abruzzese e dedicato a tutti coloro che portano la propria terra nel cuore, la cui storia abbiamo raccontato qui nell’ottobre 2016 e successivamente aggiornata nel gennaio scorso (clicca qui per saperne di più).

Il tabellone di gioco (ph. Ivan Masciovecchio)

Il tabellone di gioco (ph. Ivan Masciovecchio)

Realizzato con animo artigianale utilizzando materiali ecosostenibili, sotto l’insegna di un Guerriero di Capestrano che ha deposto la spada per imbracciare il forcone, il simpatico passatempo da tavola si pone l’obiettivo della conquista (sul tabellone-campo di battaglia) di pezzi più o meno vasti di territorio guidando armate composte esclusivamente da trattori e mietitrebbie, affidandosi alla sorte di dadi e carte da gioco caratterizzate da una simbologia legata alla pastorizia, alla campagna, al mare ed all’enogastronomia abruzzese.

I primi prototipi di mietitrebbie (ph. Ivan Masciovecchio)

I primi prototipi di mietitrebbie (ph. Ivan Masciovecchio)

In vista delle prossime festività natalizie, quindi, tra una tombola ed un mercante in fiera, perché non divertirsi con amici e parenti lanciando assalti all’ultimo trattore contro le ambite roccaforti nemiche, occupando ad esempio la totalità dell’Aquilano e del Vastese, più una terza provincia a scelta oppure espugnando le terre bagnate dai fiumi Pescara, Tronto, Trigno, Vomano e Sangro, più quelle lambite dal lago di Bomba?

Le carte da gioco (ph. Ivan Masciovecchio)

Le carte da gioco (ph. Ivan Masciovecchio)

Chiunque voglia incontrare il giovane produttore, anche per ordinare ed assicurarsi una copia del gioco più richiesto d’Abruzzo, può contattarlo tramite il proprio profilo personale di Facebook. Prossimi appuntamenti promozionali: domani e dopodomani al mercatino di Villa de Riseis a Pescara, il 10 dicembre a Lanciano, il 13 di nuovo a Pescara, il 17 tra Gissi e Lettomanoppello.

PrintFriendly and PDF