14 ottobre 2019

testo di Ivan Masciovecchio.

Una serata pervasa dal gusto speciale della solidarietà. Sarà dedicata all’ANFFAS Onlus di Martinsicuro (Associazione nazionale famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale), infatti, la cena organizzata per domenica 27 ottobre, dalle ore 20.30, negli spazi dell’Hotel Villa Luigi, dagli chef di Qualità Abruzzo, il consorzio di ristoratori, pasticceri e pizzaioli presieduto da Marcello Spadone che riunisce il meglio dell’universo culinario regionale.

Il piatto di Villa Maiella Come un carpaccio, vitello marinato al caffè e cumino montano

Il piatto di Villa Maiella Come un carpaccio, vitello marinato al caffè e cumino montano

Presente a Martinsicuro e nella Val Vibrata fin dal 1993, nel 2000 l’Anffas ha attivato il centro diurno integrato La Rosa Blu – al quale nel 2015 si è aggiunto lo stabilimento balneare pilota La Rosa Blu – Adriatico Handisport 2000, una struttura ad altissima accessibilità per la fruizione della spiaggia e del mare anche per le persone con disabilità – capace di ospitare 20 ragazze e ragazzi con disabilità, impegnandoli in vari laboratori e attività attraverso progetti di inclusione sociale. «Non essendo inserito nel Piano sociale dell’EAS n. 2 Unione dei comuni della Val Vibrata e non ricevendo adeguati contributi istituzionali – dichiara a Tesori d’Abruzzo  la presidente dell’Anffas Martinsicuro, Danila Corsi – non riusciamo a mantenere i servizi rivolti ai nostri ospiti. Il ricavato della cena, quindi, andrà a sostenere le attività che portiamo avanti nel centro. Per questo, ringrazio di cuore il consorzio Qualità Abruzzo e gli altri partner per averci supportato nell’organizzazione dell’evento».

«Per noi di Qualità Abruzzo è un piacere ed un onore aderire a questo progetto di solidarietà – aggiunge il presidente Marcello Spadone –. Quando siamo stati contattati dall’Anfass per valutarne la realizzazione, c’è stato un consenso unanime da parte degli associati e questo per me, come presidente, è davvero motivo di orgoglio. Proporremo un menù ampio e di sicuro interesse pertanto mi auguro che la risposta del pubblico sia importante e che al primo posto ci sia sempre la solidarietà, vero collante e principio ispiratore di questo progetto».

Ed eccolo, dunque, il menù della serata, realizzato anche grazie all’utilizzo di prodotti locali tutelati dal marchio dei Presìdi Slow Food. Si partirà con degli stuzzichini di benvenuto a cura dei ristoranti Lucia (Giulianova) e La Conchiglia d’oro (Pineto). Si proseguirà poi con Come un carpaccio, vitello marinato al caffè e cumino montano (Villa Maiella, Guardiagrele) al quale seguirà un Flan di cipolla di Fara Filiorum Petri con fonduta di pecorino e lenticchia croccante (Arca, Alba Adriatica).

Il primo sarà a base di Ravioli di baccalà con passatina di ceci Sultano (La Bandiera, Civitella Casanova), mentre il secondo prevederà un originale Atterraggio di un branzino (Cipria di mare, Martinsicuro). Chiusura dolce con La tana dell’orso (Pan dell’Orso, Scanno). In abbinamento saranno serviti i vini della cantina Cerulli Spinozzi di Canzano (TE) e l’anisetta Rosati di Ascoli Piceno. Costo della serata € 50. Info e prenotazioni al numero 320 1188072. Mai come in questo caso, partecipare è davvero cosa buona e soprattutto giusta.

PrintFriendly and PDF