16 aprile 2013

Prati di Tivo, Prato Selva, Monte Piselli; in Provincia di Teramo non resta che scegliere dove passare la stagione dedicata allo sci, il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga è pronto ad accogliere i suoi ospiti

testo di Chiara di Giovannantonio, foto di Maurizio Anselmi

il comprensorio sciistico di Prato Selva.

il comprensorio sciistico di Prato Selva.

Neve permettendo, nei mesi invernali si apre la stagione dedicata allo sport invernale per eccellenza, lo sci, che fino a marzo richiama gli appassionati da ogni dove. Che si tratti di sci alpino o di fondo, snowboard, sci alpinismo o sci in stile classico di diversa difficoltà, le montagne teramane offrono una meta turistica adatta agli amanti del genere. Immerse nel paesaggio naturale del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, sono tre le località che ogni inverno, a ridosso delle vacanze natalizie, accolgono migliaia di turisti per la tradizionale settimana bianca. Prati di Tivo, Prato Selva, Monte Piselli – questi i nomi delle tre stazioni sciistiche – possono garantire una varietà di scelta in un contesto familiare, nella suggestiva cornice offerta dai monti, ma procediamo con ordine. Situato sul Gran Sasso, proprio sotto la vetta del Corno Piccolo, il primo dei tre è Prati di Tivo (TE) che, con i suoi 1465 m di quota, è considerato il più noto resort sciistico della provincia. Si tratta di un vasto declivio discendente di natura morenica, con un dislivello di più di 500 metri, che termina nell’ampio spiazzo circondato da alberi secolari in cui si giunge con l’auto. La stazione sciistica, con ben cinque impianti totali, di cui una seggio-cabinovia, una seggiovia, due skilift e un tapis roulant, copre sei km di piste. Adatta a chi ama una pratica sportiva tranquilla e rilassante di fronte ad un incantevole paesaggio naturale, la località è dotata di numerose strutture alberghiere e offre diversi servizi turistici in loco o nel paese poco distante di cui fa formalmente parte, Pietracamela, un antico borgo di origine normanna. Anche gli amanti dello sci alpino possono dedicarsi ad attività interessanti perché la zona è il punto di partenza ideale per alcuni itinerari, come la traversata classica che dal versante teramano del Gran Sasso giunge a quello aquilano, sfiorando anche il Corno Grande. Per ulteriori informazioni su orari, attività e soggiorni, si può visitare il sito http://www.pratiditivo.it o telefonare presso il Comune di Pietracamela al seguente numero telefonico 0861-955112. Sempre nel versante teramano del Gran Sasso, ai piedi di Monte Corvo, si trova Prato Selva (TE), posto invece a 1400 m di quota. La piccola stazione sciistica è dotata di due seggiovie biposto e un tapis roulant. La prima, completa fino a Colle Abetone, per il momento sale fino a circa 1580 metri mentre la più recente inaugurata nel dicembre 2006, detta “La Ginestra”, raggiunge quota 1550 m. La zona, con alcune delle piste più lunghe del versante, è apprezzata sia dagli amanti del free ride che dello snowboard. Per chi predilige lo sci nordico, invece, la presenza di alcuni anelli battuti garantisce la possibilità di seguire sia la tecnica classica che lo skating. Nel punto di partenza della seggiovia è presente un parcheggio e un bar-rifugio che funge anche da ristorante, per l’accoglienza degli sciatori e di quanti vogliano soggiornarne direttamente in zona. In alternativa, altre strutture alberghiere sono presenti vicino Fano Adriano, a poca distanza. Il posto è raggiungibile da Teramo e Giulianova tramite la A14, passando per Val Vomano. Chi proviene da L’Aquila può attraversare il traforo del Gran Sasso o passare prima tramite il passo delle Capannelle e poi prendere la statale 80. Per maggiori informazioni si può consultare il sito http://www.pratoselva.it o contattare il municipio di Fano Adriano al tel. 0861-95124. Vicino ad Ascoli Piceno si trova l’ultima stazione presente sul territorio, quella di Monte Piselli (TE), a 1105 m di quota, quasi al confine tra Marche ed Abruzzo, che ha fatto fortuna negli anni Settanta e Ottanta del secolo scorso. Posta sul versante settentrionale della Montagna dei Fiori, la località custodisce divertenti discese e splendidi panorami, con la vista del mare onnipresente per quanti decidano di avventurarsi sugli oltre 600 metri di dislivello su cui si sviluppano le piste. Con una seggiovia e tre skilift, gli impianti meccanici di risalita della stazione servono circa 5 km ma partono da quota 1426 metri in località Tre Caciare e arrivano fino ai 1643 metri d’altitudine, mentre alberghi e ristoranti si trovano intorno al paesino di San Giacomo, 300 metri più sotto. Per agevolare la salita è anche possibile percorrere una strada carrozzabile non asfaltata che conduce fino agli impianti e che solo in condizioni di pesante innevamento può risultare particolarmente difficoltosa. La località può essere raggiunta facilmente da Ascoli Piceno, passando per Colle San Marco o, venendo da Teramo, grazie alla statale 81. Per qualsiasi informazione si può visitare il sito http://www.montepiselli.it o contattare telefonicamente il Comune di Valle Castellana ai numeri 0861-93130 o 0861-93473. Una volta terminato di sciare, i cultori della gastronomia in cerca di un pasto caldo possono star tranquilli. In tutte e tre le stazioni sciistiche, con le dovute differenze di prezzi, strutture e ristorazione, è possibile gustare i tipici piatti teramani, quali gli immancabili arrosticini, pasta e fagioli, il formaggio pecorino e i famosi maccheroni alla chitarra. Insomma, ce n’è per tutti i gusti, prima, dopo e durante l’attività sportiva.

PrintFriendly and PDF