9 aprile 2018

Si chiuderà nel segno – e nel gusto – del vino al femminile la partecipazione dell’Abruzzo al Vinitaly 2018. L’intensa e lunga giornata di mercoledì 18 aprile, infatti, prenderà avvio alle ore 11 con l’assemblea nazionale delle Donne del Vino, ospitata nell’area degustazione allestita dal Consorzio di Tutela Vini d’Abruzzo all’interno del padiglione regionale, alla quale seguirà un brindisi con la presidente nazionale Donatella Cinelli Colombini per festeggiare I fantastici 80 ovvero 30 anni di Donne del Vino + 50 anni della DOC Montepulciano d’Abruzzo. L’evento si chiuderà poi con una cena di gala, allestita al Palazzo della Gran Guardia a Verona, colorata e profumata di Zafferano dell’Aquila.

Alcune produttrici abruzzesi con la presidente nazionale Donatella Cinelli Colombini (ph. Ivan Masciovecchio)

Alcune produttrici abruzzesi con la presidente nazionale Donatella Cinelli Colombini (ph. Ivan Masciovecchio)

Uno zafferano speciale quello portato in dote dalle Donne del Vino d’Abruzzo capitanate dalla delegata Jenny Viant Gómez, dal gusto solidale, terapeutico e inclusivo, prodotto con il coinvolgimento di circa 150 anziani della residenza sanitaria assistenziale L’Immacolata di Fontecchio (AQ) – struttura attiva quotidianamente nell’offerta di un ampio ventaglio di attività in grado di stimolare gli ospiti nella prevenzione e nel rallentamento dei processi degenerativi delle demenze – impegnati in un percorso di terapia occupazionale che li vede all’opera, tra le altre mansioni, nella sfioratura delle piantine provenienti dai campi dell’imprenditrice Adriana Tronca dell’azienda agricola Vigne di More di Tione degli Abruzzi (AQ).

Promosso dall’associazione Opera S.Maria della Pace, il progetto tutto al femminile ha visto l’entusiastica adesione anche della sindaca di Fontecchio Sabrina Ciancone che, insieme alla già citata imprenditrice, hanno favorevolmente abbracciato l’abbinamento tra vino e tematiche sociali sostenuto dalle Donne del Vino d’Abruzzo.

Fiori di Zafferano dell'Aquila (ph. Ivan Masciovecchio)

Fiori di Zafferano dell’Aquila (ph. Ivan Masciovecchio)

Il pregiato zafferano sociale, quindi, sarà il protagonista del risotto preparato della chef (e donna del vino) Marina Ramasso, al quale si accompagneranno i vini delle socie e produttrici abruzzesi. La cena, su invito, consisterà in un vero e proprio viaggio nell’Italia del gusto attraverso le aree dedicate alle eccellenze gastronomiche e ad i vini di tutte le regioni, dagli spumanti ai vini bianchi, dai rosati a rossi, per finire con i vini da dessert, distillati e amari.

PrintFriendly and PDF